Come realizzare una parete in cartongesso

Una parete in cartongesso è costituita da una struttura portante in profilati ad U in alluminio, con pannelli di rivestimento su entrambi i lati. I profilati, solitamente con sezioni di dimensioni pari a 6-8 cm, sono fissati rispettivamente al soffitto, al pavimento e alle pareti di appoggio. Successivamente si procede al posizionamento dei montanti con un interasse pari a circa 60/80 cm, garantendo in tal modo un adeguato sostegno ai pannelli da applicare e fissare successivamente con le apposite viti, con interasse pari a 15 cm, la cui testa dovrà penetrare per circa 2 mm rispetto allo strato superficiale così da poter essere nascoste con la successiva applicazione dell’apposito rasante.

Di seguito un riassunto dei passaggi fondamentali da eseguire:
1 Tracciamento, con un battifilo, sui muri laterali, sul soffitto e sul pavimento, delle linee guida per il successivo posizionamento dei profilati.
2 fissaggio, con colla (in caso di eventuale temporaneità della struttura) o tasselli ad espansione (ogni 60 cm circa), di un profilato lungo tutte le linee guida tracciate.
3 rimozione di una parte di profilato per la realizzazione del vano destinato a ricevere il telaio della porta (avendo cura di far risvoltare in verticale per circa 20 cm i traversi in corrispondenza dell’estremità del vano stesso). Posizionamento conseguente, nei punti prima individuati, di due montanti da fissare ai traversi precedentemente fissati al soffitto ed al pavimento, utilizzando viti autofilettanti.
Infine posizionare un profilo orizzontale con 2 montanti verticali da 15 cm circa, e avvitarlo sul primo profilo verticale sul telaio.
4 fissaggio degli altri montanti, dopo aver verificato la verticalità con una livella, ad interassi di circa 60-80 cm, ai traversi precedentemente fissati al soffitto e al pavimento, e in caso di altezze eccessive (oltre i 3m circa) irrigidire ulteriormente la struttura con altri profilati orizzontali posti a quote intermedie.
5 fissaggio dei pannelli in cartongesso (normali, ignifughi o idrorepellenti) con viti poste a passo 15 cm, partendo dal basso e lasciando qualche millimetro di distacco dal pavimento, che sarà successivamente nascosto dal battiscopa. Collocare nell’intercapedine, in caso di necessità, pannelli isolanti e/o fonoassorbenti e cavi elettrici o altre tubazioni impiantistiche.
6 Stuccatura dei giunti in due mani, con un primo strato largo circa 5 cm dall’alto verso il basso, e un secondo da effettuare solo a seguito di applicazione di un nastro microforato; sugli angoli esterni, si useranno opportuni paraspigoli metallici. Infine con la spugna umida lisciare accuratamente i bordi dello stucco aspettando che indurisca del tutto prima di stuccare le eventuali irregolarità.
7 Rasatura dei pannelli a seguito di applicazione del nastro microforato adesivo o rete in corrispondenza dei giunti e degli angoli, quindi carteggio accurato dell’intera superficie interessata prima della tinteggiatura.
8 Pitturazione della parete a seguito di applicazione di strato di assorbimento con primer (fissativo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *