Ludoteca Milano

Il voler caratterizzare la nuova Ludoteca prevista all’interno del parco “La Biblioteca degli alberi” di Milano come anello di congiunzione tra realtà divergenti ha determinato l’ideologia del progetto, dalla lettura formale immediata, costituito da solai simili a lame (che legano con lo sviluppo orizzontale dell’edificio in mattoni) connessi a una torre di distribuzione centrale, emergente rispetto alle stesse, che richiama invece la verticalità della torre Unicredit, lasciando alla trasparenza del vetro il ruolo di elemento separatore tra interno ed esterno.

Sul fronte principale della ludoteca è rafforzato il concetto di fusione di elementi dall’andamento opposto, attraverso gli aggetti triangolari presenti su entrambi i livelli di progetto, forati da tronchi che sovrastano la copertura e che, oltre ad avvalorare esteticamente l’ingresso, fanno apparire il padiglione parte integrante della natura circostante. Anche sui fronti laterali la presenza di vetrate serigrafate, con riproduzione di rette con inclinazioni differenti, simula le radici dell’edificio estese fino alla copertura, rendendolo dipendente dal giardino che lo ospita. Altro elemento di integrazione con il contesto è presente in copertura, essendo previsto uno strato di verde estensivo tale da far apparire il padiglione, visto dall’alto, parte della natura stessa.

Dall’area accoglienza posta in corrispondenza dell’ingresso al piano terra della ludoteca (cui si accede da una piccola rampa per superare un dislivello di 30 cm) si accede alla torre, contenente i servizi su entrambi i livelli (illuminati da un lucernario) e i collegamenti orizzontali e verticali verso tutti gli ambienti della struttura; in tal modo l’intera superficie a disposizione per gli utenti è in collegamento visivo con il giardino circostante; inoltre l’apertura dei pannelli scorrevoli di suddivisione dei vari ambienti garantisce l’assoluta flessibilità degli spazi, a tal punto da rendere l’intera superficie un open space, adattabile ad ogni funzione. La torre di distribuzione, dunque, in presenza di attività in corso in alcune sale, assicura comunque un collegamento diretto ad ogni ambiente, senza dover attraversare gli spazi adiacenti.

ludoteca milano piante

Piante

Quest’ultima, oltre ad essere determinante per fini strutturali e come elemento di distribuzione agli ambienti posti su entrambi i livelli, assume un ruolo significativo anche dal punto di vista impiantistico, essendo illuminata da un lucernario posto in sommità, schermato da frangisole mobili, tale da assicurare l’accumulo e la continua circolazione in tutti gli spazi del padiglione di aria calda in entrata e in uscita nelle diverse stagioni.

Nel progetto  della ludoteca struttura e architettura si fondono, partecipando allo stesso obiettivo di sintesi dell’ideologia progettuale, attraverso il cemento armato dei solai e della torre (poi rivestita in mattoni) mentre i pilastri costituiti da elementi tubolari cilindrici in acciaio si sviluppano lungo il perimetro in posizione indipendente rispetto alle pareti in legno di suddivisione. Sono previsti interpiani da 2,70 m e successivo controsoffitto di 30 cm per poter accogliere un sistema di condizionamento canalizzato oltre all’apparato di illuminazione.

ludoteca milano sezione a-a

Sezione A-A

La planimetria dell’area di progetto, adeguandosi al principio ispiratore del parco adiacente, presenta percorsi principali che linearmente tagliano l’area stessa seguendo orientamenti paralleli allo sviluppo planimetrico del padiglione e generando conseguentemente delle microaree con caratteristiche vegetazionali e funzionali differenti, successivamente attraversate da un percorso secondario dall’andamento curvilineo; in tal modo geometria e casualità si intersecano, richiamando un principio presente nell’ideologia del padiglione. Si è scelto poi di portare il percorso posto a nord-est alla stessa quota dell’edificio di progetto (+125,40 m) rendendolo viale di accesso pedonale, delimitato da piccoli alberi di acacia, alternati a sedute costituite da parallelepipedi in cemento. Il secondo ingresso all’area è riservato alla manutenzione impiantistica.

ludoteca milano planivolumetrico

Planivolumetrico

Infine si prevede l’utilizzo di una pompa di calore aria-acqua da collocare sotto il lucernario, sopra il blocco bagni, collegata a pannelli radianti a pavimento su entrambi i livelli, ed eventualmente a fotovoltaici in copertura, così da annullare il già ridotto consumo elettrico.

ludoteca milano vista notte

Vista notturna sulla ludoteca

ludoteca milano vista giorno

Vista diurna sulla ludoteca

sito render 2sito piante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *